skip to Main Content

Semi di sesamo: proprietà, caratteristiche e utilizzo nel pane

Semi Sesamo Proprieta Caratteristiche Utilizzo Pane

I semi di sesamo sono un ingrediente molto usato e apprezzato nel mondo dei panificati: questi piccoli semini croccanti sono in grado di dare un aroma particolare al nostro pane, di migliorarne la croccantezza e di apportare benefici per la salute anche se assunti in piccole quantità.

Ecco quali sono i segreti dei semi di sesamo, le diverse tipologie presenti sul mercato e perché consumarli anche nel pane fa davvero bene all’organismo!

La cucina asiatica fa largo uso del sesamo, ma anche se non è un ingrediente tipicamente mediterraneo (viene coltivato soprattutto nelle regioni tropicali) recentemente è possibile trovarlo anche in Italia in tantissime ricette, specialmente sotto forma di semi che vanno a guarnire o condire pane, crackers, grissini o altri panificati.

Vediamo insieme come scegliere un prodotto con questo tipo di aggiunta possa essere benefico per la nostra salute.

Di cosa parliamo in questo articolo:

Le proprietà del sesamo

Moltissime ricerche sostengono che quello di sesamo sia a livello nutrizionale il più prezioso tra i semi oleosi. Infatti questi piccoli semini racchiudono una vera e propria bomba di nutrimenti! Parliamo in particolare di proteine, carboidrati, sali minerali.

Sono una fonte vegetale molto utile fosforo, magnesio, calcio, zinco, selenio. Oltre a essere ricchi di calcio stimolano anche la produzione di collagene e senza dubbio questo li rende molto efficaci nella prevenzione dell’osteoporosi, per questo vengono consigliati alle donne in menopausa ma anche a chi ha problemi di capelli e di pelle. Pensate che i principi attivi contenuti nel sesamo sono noti per aiutare nella gestione del colesterolo LDL (il cosiddetto colesterolo cattivo) e per aumentare i livelli dell’HDL (quello buono), poi grazie al contenuto di acido folico e vitamine del gruppo B, in generale sono molto utili per il benessere del sistema cardiocircolatorio.

Consumarli aiuta a raggiungere il giusto apporto di fibre quotidiano che fa lavorare bene il nostro intestino, addio stitichezza e gonfiore addominale, grazie ad un apporto ridotto (tipo un cucchiaio al giorno) ma regolare di sesamo è possibile ritrovare la regolarità intestinale. Ma occhio a non esagerare con il dosaggio o ci si troverà ad assumere un vero e proprio lassativo!

Ma non finisce qui, la presenza di selenio garantisce un buon apporto di antiossidanti per contrastare l’azione dei radicali liberi, mentre lo zinco sostiene e rinforza il sistema immunitario, donando energia.

Sesamo bianco e sesamo nero

La pianta dalla quale si ottengono questi semi è la Sesamum indicum, originaria dell’India e dell’Africa; ne esistono due tipologie, una che produce semi neri e una che invece li ha bianchi. I semi di sesamo bianco sono quelli più comuni ed economici mentre quelli neri hanno generalmente un costo superiore e sono leggermente più piccoli, le loro proprietà nutritive sono però molto simili così come il sapore e l’utilizzo.

Come utilizzare i semi di sesamo nei panificati

I semi di sesamo vengono utilizzati moltissimo nel pane e nei panificati secchi come crackers, crostini e grissini, a volte sono i soli semi presenti mentre spesso si trovano mischiati insieme ad altre tipologie di seme o anche con frutta secca. Possono essere aggiunti all’impasto oppure venire utilizzati per guarnire in superficie e creare una bella crosticina croccante.

In particolare vogliamo citare due ricette che sono molto tipiche anche nel nostro paese.

La prima è il gustoso pane siciliano al sesamo, un filone tradizionale ricoperto interamente da una crosta croccantissima e profumata di semi di sesamo e con un morbido interno di farina di semola di grano duro.

La seconda ricetta che ha guadagnato largo seguito anche in Italia ma che viene dritta dritta dagli Stati Uniti è il bun ai semi di sesamo: un delizioso panino morbido e soffice perfetto per accogliere gli hamburger più succulenti che grazie ad un velo superiore di semi di sesamo tostati acquista una speciale consistenza e un delicato sapore affumicato, un grande classico che ben si adatta anche a tante altre tipologie di panino.

Volete sapere di più sui panini da hamburger? Leggete il nostro articolo sulle caratteristiche dei migliori bun all’americana.

Scegliere i semi di sesamo migliori

Se avete scelto di consumare quotidianamente sesamo nelle vostre pietanze vi vogliamo dare un ultimo consiglio. La maggior parte di questi semi viene coltivata in paesi come India e in Cina, che hanno letteralmente inondato il mercato di semi di sesamo di qualità molto bassa e a prezzi decisamente ridotti. Se volete essere certi di godere dei vantaggi salutari dei semi oleosi di sesamo consigliamo di scegliere quelli provenienti da coltivazione biologica oppure prodotti in Grecia o Sud Italia, che sono generalmente più freschi, migliori come apporto nutritivo e vengono coltivati seguendo le rigide norme europee.

Volete assaggiare un pane buonissimo arricchito di preziosi semi di sesamo? Camillo vi consiglia il Maxi Burger.

Maxi Burger Con Semi Sesamo
Precotti

Superior

I pani e le focacce ricchi di fibre, con lievito madre e lievito naturale.

Scarica il catalogo
Le
Focaccine

Ideali per preparare una gustosa merenda.
Provale da sole o farcite.

Scarica il catalogo

Camillo Bassini,
Fornaio dal 1963

Nella primavera del 2018 i F.lli Alessandro e Raffaele Bassini si preparano a trasferire l’azienda in una sede importante di circa 3500 mq nel comune di Forlì.

Cambia l’organizzazione e si sviluppano le competenze, ma rimane immutato l’amore per il territorio e l’impegno nel mantenere alta la qualità del prodotto, selezionando materie prime eccellenti, ricette di ispirazione tradizionale, ricerca di sapori unici e lavorazioni artigianali.

Cosa Sono Grani Antichi Salute Ambiente

I grani antichi sono una realtà sempre più di moda nelle panetterie di tutta Italia, piacciono sempre di più e molti consumatori hanno iniziato a prediligerli a quelli “moderni”, attratti forse dalla loro aura di cereali sani ma gustosi. Hanno ragione gli italiani a considerarli prodotti superiori? Vediamo insieme cosa sono i grani antichi, come si differenziano da quelli moderni e perché è una buona prassi preferirli a farine ad alta lavorazione.

I nomi dei grani antichi più comuni sono sulla bocca di tutti ormai, ma per andare oltre alle mode e comprendere i veri vantaggi dell’utilizzo di farine derivate da questi cereali affronteremo questi argomenti:

  • Particolarità della filiera dei grani antichi
  • Differenze tra grani antichi e moderni
  • Varietà dei grani antichi
  • Perché scegliere i grani antichi 

Particolarità della filiera dei grani antichi

Questo punto si spiega davvero da sé: i grani antichi, che un tempo erano piuttosto comuni, sono stati soppiantati in epoca moderna da cereali più produttivi, dal sapore più “base” e caratterizzati da numerose lavorazioni. Il tempo passa e le cose cambiano e molti coltivatori appassionati dei prodotti della terra hanno iniziato a riscoprire le genetiche più antiche e pure, che la selezione industriale aveva fatto mettere da parte.
Ecco che nasce una filiera particolare, mossa dalla voglia di proporre qualcosa di nuovo e antico allo stesso tempo e pronta a sfidare il trend di massa che vuole prodotti facili da vendere e dai margini di guadagno massimizzati. Questa filiera prevede una forte collaborazione tra gli agricoltori biologici italiani che hanno dedicato amore e pazienza alla ricerca dei semi, alla loro coltivazione con tecniche sostenibili e/o biologiche ma anche a chi si è dedicato a trasformare poi questi cereali in prodotti finiti, mantenendone intatte le caratteristiche particolari e preziose con lavorazioni non canoniche.
Insomma scegliere i cereali antichi significa scegliere un prodotto selezionato e trattato generalmente con cura, passaggio dopo passaggio, salvaguardare la biodiversità del territorio nazionale e dare credito all’agricoltura biologica (e di conseguenza alla salvaguardia dell’ambiente).

Differenze grani antichi e moderni

Cerchiamo ora di capire quali sono le differenze principali tra grani antichi e moderni, non entrando ovviamente nello specifico delle varietà ma facendo un confronto generico tra le due categorie per quanto riguarda sapore, nutrienti, produttività e costi. 

Partiamo da ciò che interessa generalmente di più il consumatore: sapore e nutrienti. Il sapore dei prodotti a base di cereali antichi è generalmente molto più marcato, ha una marcia in più rispetto a quello delle classiche farine industriali e in generale è decisamente particolare di quello alla quale siamo abituati. Può piacere o non piacere (a seconda dei gusti e del cereale di cui si parla) ma comunque darà origine ad un panificato o ad esempio una pasta dal sapore più carismatico. A livello di nutrienti la vittoria dei cereali antichi su quelli moderni è ancora più schiacciante: di base danno origine a prodotti qualitativamente migliori in questo campo e generalmente più facili da digerire (tanto da essere spesso molto ben tollerati anche da chi manifesta sintomi di intolleranza al glutine).

Pensiamo ora all’aspetto produttività e costi di questo tipo di cereali. Nel tempo siamo arrivati a consumare grani altamente produttivi dai costi di produzione molto bassi, ovviamente tutto il mercato si è tarato su questo tipo di prodotti così come è successo ai nostri palati. Poi grazie alla voglia di scommettere di qualcuno e a quella di cambiare di molti consumatori è partita la spinta a puntare su prodotti più “difficili” dal punto di vista produttivo. Infatti in generale possiamo reputare questi grani più costosi, nonostante una filiera generalmente più corta e una lavorazione minore (anche se spesso più difficoltosa), soprattutto per via di una resa produttiva geneticamente inferiore rispetto ai grani moderni. Insomma, poco ma buono… e ovviamente i costi dovranno lievitare.

Varietà di Grani Antichi

Tiriamo fuori un po’ di nomi… sappiate che le varietà di grani antichi attualmente disponibili sono davvero tante, quindi citeremo solo alcune tra quelle più importanti o particolari per darvi qualche esempio.

Iniziamo privilegiando l’anzianità e parliamo del farro monococco che a quanto ne sappiamo è stato il primo cereale ad essere coltivato dall’uomo. È detto anche piccolo farro o grano monococco, ed è una specie tipicamente mediterranea che si adatta molto bene ad essere coltivata in Italia e ha dato origine a gran parte dei frumenti oggi conosciuti. Ha un chicco piccolo ed è poco produttivo, infatti la sua coltivazione è stata abbandonata già durante l’Età del Bronzo (più di 4000 anni fa) per frumenti più facile da coltivare e dalle rese maggiori. Viene riscoperto oggi per le sue qualità nutrizionali superiori agli altri cereali infatti dal punto di vista qualitativo è un ottimo prodotto dall’alto contenuto proteico, con una bassa presenza di acidi grassi saturi, poco amido, molti antiossidanti e una buona digeribilità.

Altro nome dalle origini antiche decisamente molto conosciuto è il khorasan, noto con il suo brand a marchio commerciale Kamut e famoso per essere stato il grano dei faraoni (anche se non abbiamo prove di questa teoria). I suoi chicchi sono simili al grano ma più lunghi e scuri, ricchissimi di proteine, nutrienti e antiossidanti (come il selenio). È sicuramente un buon sostituto al grano tradizionale per chi soffre di intolleranze al glutine perché ha un indice minore).

Vogliamo citare anche il grano saraceno che pare nascere in Siberia, nelle zone Himalayane e manciuriane per poi arrivare e diffondersi in Europa dalla Russia. In Italia veniva storicamente coltivato nella zona di Bolzano, dove ora c’è una forte riscoperta di questo prodotto, amatissimo per l’alto valore proteico, la mancanza di glutine e il suo caratteristico sapore rustico.

Ci sembra giusto citare anche Senatore Cappelli, un grano duro tra i più antichi d’Italia, (creato nel 1915 in Puglia dall’agronomo Nazareno Strampelli) che oggi impazza sulle nostre tavole per la sua alta qualità nutrizionale e una buona produttività. Il Senatore cappelli piace tantissimo per vari fattori: un contenuto di glutine relativamente basso, un apporto proteico discreto accompagnato dalla presenza di pochi zuccheri ma tanti oligoelementi benefici come magnesio, potassio, zinco, calcio e vitamine del gruppo B ed E.

Perché scegliere i grani antichi per fare pane e focacce

Riassumendo, perché è una buona idea scegliere di coltivare, proporre e acquistare prodotti a base di grani antichi? È importante ovviamente che un prodotto relativamente più costoso della media sia giustificato da una qualità superiore e che sia nel complesso migliore della concorrenza. Ecco i cereali antichi lo sono senza dubbio, in quanto a digeribilità e tollerabilità, apporto di nutrienti (comprese proteine, vitamine, sali minerali, antiossidanti), hanno una filiera generalmente più corta, più virtuosa e spesso biologica, il loro commercio salvaguarda la biodiversità dei territori e infine non dobbiamo dimenticare di dire hanno una marcia in più per quanto riguarda il sapore… un carattere unico che una volta provato è difficile da dimenticare.

Volete provare un nostro prodotto ai Grani Antichi? Ecco il consiglio di Camillo.

Cosa Sono Grani Antichi Salute Ambiente
Precotti
Superior

I pani e le focacce ricchi di fibre, con lievito madre e lievito naturale.

Scarica il catalogo
Le
Focaccine

Ideali per preparare una gustosa merenda.
Provale da sole o farcite.

Scarica il catalogo

Camillo Bassini,
Fornaio dal 1963

Nella primavera del 2018 i F.lli Alessandro e Raffaele Bassini si preparano a trasferire l’azienda in una sede importante di circa 3500 mq nel comune di Forlì.

Cambia l’organizzazione e si sviluppano le competenze, ma rimane immutato l’amore per il territorio e l’impegno nel mantenere alta la qualità del prodotto, selezionando materie prime eccellenti, ricette di ispirazione tradizionale, ricerca di sapori unici e lavorazioni artigianali.

Back To Top